tautogrammi

Picarissimo Pinocchio

pinocchio2-U43120465740540YhH-273x170@Lettura-Print-Nazionale[1]_MGZOOM

Un tautogramma

Peppino, piantando pialla per prendere punteruolo, per professione plasmava pezzi porosi. Portava per pseudonimo Polendina, perché possedeva parrucca paglierina: pareva proprio padana pietanza! Per procurarsi pagnotta, poverissimo produttore progettò preparare pupazzo, proposito presentare pantomime pubbliche. Pertanto, preso prestito pezzo parlante, principiò piallarlo, pensando prenome: « Peppino… Pinuccio… Pinolo… Pinocchio! » Presto prodotto, « Posso passeggiare! » pronunciò pupazzo, poi (personalità portata per pasticci) precipitosamente partì – « Pappappero pappappà! » – prendendo paesani percorsi. Poliziotto, per proteggere pargolo, portò presso prigione papà Peppino. Piccola pulce parlante, probo precettore, principiò predicozzo: « Pondera, Pinocchio… » PUM! Pinocchio premette pidocchio, pedante piantagrane, producendone poltiglia. Poi però, perdendo piedi, piagnucolò. Paziente padre provvide, porgendogli pure pere polpose. Per pagare premure paterne,  pupazzo promise progressi parascolastici. (altro…)